Ricerca nell'archivio articoli




L'EPOCA DELL'ULTIMO UOMO (Flores Tovo)PENSIERO03 Ottobre 2019

L’EPOCA DELL’ULTIMO UOMO: esistenza inautentica dell’uomo che non genera più stelle     (Flores Tovo)   Nella “Prefazione” dello “Zarathustra” Nietzsche annuncia l’avvento del superuomo (1). Tuttavia nel paragrafo 5 (2) della stessa “Prefazione”, il profeta Zarathustra, rivolgendosi al popolo che brulicava nel mercato, parla ad esso di “quanto vi è di più spregevole”, ossia dell’ultimo uomo: una figura alquanto significativa, sebbene trascurata, se non ignorata dalla critica filosofica. Ma chi è questo “ultimo uomo” che viene presentato come l’effettiva contrapposizione esistenziale, in un vero senso logico-speculativo, nei confronti del superuomo?  Il filosofo ne parla con termini angosciati, poiché  dice che “si avvicina il tempo in cui l’uomo non genererà più stelle”.  Il tempo che sar...LEGGI TUTTO

LA SOCIETA' DELL'ASSURDO (Adriano Tilgher)ATTUALITA'-GEOPOLITICA03 Ottobre 2019

La società dell'assurdo   (Adriano Tilgher) Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta. Per esempio, fra poco più di un mese dovremo andare a votare per rinnovare il parlamento europeo, per lo meno così dicono, ma questo credo che sia vero. Infatti voteremo per un parlamento che realmente si chiama europeo. Dopo però ci vogliono far credere, ed in tanti ci credono, che votiamo per l’Europa, ma questo è falso per tanti motivi. Infatti se parliamo dell’Europa geografica in quel parlamento mancano pezzi importanti di Europa, come ad esempio la Russia e la Svizzera, se parliamo dell’Euro...LEGGI TUTTO

GENERALE DOMENICO MITTICA (Luca Bonanno)STORIA03 Ottobre 2019

Generale Domenico Mittica     (Luca Bonanno) Domenico Mittica nasce l’11 aprile 1894 a Sant’Ilario dello Jonio, un paese della provincia di Reggio Calabria. Figlio di una Calabria molto povera, dove forte era il fenomeno dell’emigrazione, comandata politicamente dai socialisti, con qualche rara roccaforte cattolica soprattutto nel cosentino.                    Le sue prime notizie si hanno con l’entrata dell’Italia nella Grande Guerra dell’Italia dove con il grado di sottotenente di completamento di fanteria arriva il 17 agosto 1915 in territorio dichiarato in stato di guerra. L’anno successivo partecipa alla battaglia del Monte Cengio dove, il 3 giugno, viene fatto prigioniero. Durante questa battaglia ottiene la prima decorazione: la Croce di Guerra al Valor Militare con la seguente motivazione: “Mittica Domenico, da Sant’Ilario de...LEGGI TUTTO

UNA COMMISSIONE STUDI SULLE MAROCCHINATE (Davide Caluppi)MAROCCHINATE03 Ottobre 2019

Una commissione studi sulle Marocchinate   (Davide Caluppi)   La triste e vergognosa vicenda delle Marocchinate, una pagine più buie dell’Italia, nell’ultimo anno grazie al lavoro incessante dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) capeggiata dal presidente Emiliano Ciotti, dal legale romano Luciano Randazzo che ne cura gli interessi, degli studiosi, del gruppo ufficio stampa e dei tesserati che ne fanno parte, hanno portato il loro sapere in ogni sede sulla tematica che vide protagoniste purtroppo le violenze delle truppe coloniali francesi del CEF nella Seconda Guerra Mondiale. Dalla Sicilia sino all’Isola d’Elba una scia continua di violenze, stupri, uccisioni mai viste prima. E’ di questi giorni la notizia della istituzione di una commissione studi sulle Marocchinate voluta, e presieduta, dall’avvocato penalista Luciano Randazzo che a breve inizierà i lavori. Un’idea che portava ...LEGGI TUTTO

IL NULLA REGNA SOVRANO (Mario Michele Merlino)I RACCONTI DEL MAGO ( del prof. Mario Michele Merlino)01 Ottobre 2019

Il Nulla regna sovrano    (Mario Michele Merlino) Citazione dal diario del pittore giapponese tanto caro a Vincent van Gogh. La grande onda e il campo di girasoli si danno la mano in tacita armonia. La grandezza conosce la solitudine e la divina follia, non la distanza dello spazio e delle stagioni. Scrive: “Dall’età di sei anni avevo la mania di disegnare la forma delle cose. Quando ne ebbi cinquanta, avevo pubblicato una infinità di disegni; ma tutto ciò che ho prodotto prima dell’età di settant’anni non è degno di considerazione. A settanta tre anni ho imparato qualcosa circa la struttura reale della natura, degli animali, delle piante, degli uccelli, dei pesci e degli insetti. Di conseguenza, a ottant’anni, avrò fatto ancora altri progressi; a novanta potrò penetrare il mistero delle cose; a cento avrò raggiunto una fase stupenda; e quando ne avrò cento dieci tutto ciò...LEGGI TUTTO

FASCISMO METAFISICO (Ettore Malcangi)IL PUNTO DI VISTA01 Ottobre 2019

       Fascismo “metafisico”     (Ettore Malcangi) Mi posi una domanda molti anni fa, non come nasce l'universo o quando (il come ce lo può dire l’astrofisica e il quando lo possiamo calcolare con una relativamente piccola approssimazione), se per caso o per un atto di volontà (e qui gli scienziati atei si sforzano di attribuire all'energia pura le caratteristiche che le religioni attribuiscono a Dio, cosa che trovo alquanto ridicola perché a questo punto sarebbe solo questione di nome) certo le leggi fisiche che governano l'universo sono la più palese dimostrazione di un'intelligenza che le sottende; la domanda che mi posi è perché e con che mezzi avviene la "creazione" o "Big Bang" se si preferisce (guarda caso la persona principale della Trimurti indù, Brahma significa proprio questo: letteralmente "Grande Vibrazione" da Vrd (vibrazione) + Ma (grande); se ammettiamo che prima di qu...LEGGI TUTTO

LIBERTA' DI PAROLA (Fabio Calabrese)IL PUNTO DI VISTA01 Ottobre 2019

Libertà di parola   (Fabio Calabrese) Sabato 3 novembre 2018. Trieste è una città blindata con il centro intransitabile. Il motivo è il previsto corteo di Casapound e il contro-corteo degli Autonomi e dei Centri Sociali, del solito sinistrume assortito che vorrebbe impedire a quelli di Casapound di manifestare. In mezzo, a separare le due manifestazioni per evitare tafferugli, zone transennate vietate alla circolazione, e uno schieramento di polizia da stato di guerra. Una cosa del genere non è eccezionale, è l'ennesimo riproporsi di un tipo di situazioni a cui ci siamo da tempo assuefatti, al punto che è difficile che ci poniamo la domanda su quanto sia normale tutto ciò. Vorrei precisare in premessa che io non sono di Casapound, ho la fierezza di dire di non avere in tasca nessuna tessera di partito che possa in qualche modo limitare la mia indipendenza di giudizio, e riguardo alla recente attività politica d...LEGGI TUTTO

IL SIMBOLISMO DELLA ROTONDA DI SAN LORENZO IN MANTOVA (Antonio G. Fucilone)ARTI01 Ottobre 2019

Il simbolismo della rotonda di San Lorenzo in Mantova    (Antonio G. Fucilone)   Da appassionato di storia dell'arte, voglio parlarvi del simbolismo della Rotonda di San Lorenzo, chiesa romanica a pianta circolare che si trova a Mantova, in Piazza delle Erbe. Essa fu realizzata nel 1083, sulle rovine di un tempio romano dedicato a Diana Lucifera. La tradizione la attribuisce a Matilde di Canossa (1046-24 luglio 1115). Come ho scritto, questa chiesa ha delle particolarità. Essa è a pianta circolare. Le chiese a pianta circolari hanno una simbologia particolare. Già in epoca romana e nella prima epoca cristiana si facevano edifici a pianta circolare. Un esempio ancora oggi visibile è la Tomba di Galerio, che si trova a Salonicco, la città greca che si chiamava Tessalonica. Galerio (250 DC-5 maggio 311 DC) fu uno degli imperatori romani durante la tetrarchia, dal 293 alla morte. Il suo mausoleo fu trasformato in una chiesa d...LEGGI TUTTO

INCONTRI IMPORTANTI (Antonio G. Fucilone)STORIA01 Ottobre 2019

Incontri importanti   (di Antonio Gabriele Fucilone) A Governolo di Roncoferraro, gli abitanti hanno una certa fierezza nel dire che il re degli Unni, Attila, e San Leone Magno Papa si siano incontrati lì. L'incontro avvenne nel 452. La storia, però, potrebbe essere andata in un modo assai diverso. Lo storico mantovano Gualberto Storti ha fatto delle ricerche che l'hanno portato a sostenere una teoria molto interessante. Secondo questa teoria,  l'incontro tra il Papa (390-10 novembre 461) ed il sovrano unno (406-16 marzo 453) non sarebbe avvenuto a Governolo ma in una località del Comune di Curtatone, Ponteventuno. Storti è uno storico preparato che ha lavorato anche nel Parco Archeologico del Forcello. Egli ha spiegato il tutto anche su "La Gazzetta di Mantova". Io ho anche avuto modo di parlare con lui telefonicamente. Storti si è rifatto alla testimonianza dello storico bizantino di origine gota Jordanes, che visse nel VI secolo...LEGGI TUTTO

LATTUGHE MANTOVANE (Alice Santoro- Francesca Santoro)L'ANGOLO DELLO CHEF, RICETTE DELLA TRADIZIONE ITALIANA ED EUROPEA ( a cura di Alice Santoro e Francesca Santoro01 Ottobre 2019

Le lattughe mantovane   Questi dolci sono la variante della zona lombarda di Mantova delle chiacchiere di Carnevale. Deliziose e facili da preparare sono fritte nello strutto, e queste le rende differenti, come anche l’aggiunta nell’impasto di un bicchierino di Marsala che dà un sapore particolare ai dolci. Un ottimo modo per festeggiare il Carnevale e magari prolungarlo anche oltre preparandole fuori tempo massimo. Ingredienti Farina: 500 gr Zucchero: 500 gr Burro: 30 gr Uova: 3 uova Marsala: 1 bicchierino Limone: 1 Strutto: q.b. Ricetta e preparazione Ecco le istruzioni. Sulla spianatoia sistemate la farina a cratere e mettetevi lo zucchero, le uova, il burro ammorbidito, la scorza del limone e il Marsala, quindi impastate fino a ottenere una pasta liscia e omogenea che farete riposare per circa un’ora coperta da un canovaccio. Dopo il riposo, stendete la pasta molto sottile, quindi tagliatela delle forme che più vi aggrada...LEGGI TUTTO

DICHIARAZIONI E INTENDIMENTI (Barbara Spadini)COMUNICAZIONI ASSOCIATIVE01 Ottobre 2019

Dichiarazioni e intendimenti   (Barbara Spadini)   Il nostro sodalizio è ”associazione culturale”, non movimento militante e/o politico: questo significa che, i membri del gruppo osservano degli intendimenti – dichiarati nello statuto- di tipo intellettuale, riguardanti spirito e mente, pensiero e tradizione, non sbandierati attraverso divise, labari, squadroni o altri inquadramenti militareggianti, né dichiarati in programmi partitici da presentare alle elezioni. Il gruppo cresce e si fortifica attraverso la gestione comune di ricerche, articoli, scritti, eventi che servono ad elevare l’anima e ad alimentare la sete di conoscere senza la quale un uomo è solo un mezzo uomo e che dovrebbero essere comunque alla base anche di ogni azione militante e politica. Non esiste e non può esistere alcuna militanza e alcuna presa di posizione in questo mondo che non sia sorretta da un’opportuna preparazione mentale, da una ...LEGGI TUTTO

ALLA RADICI DELL'ITALIANITA' I parte (Fabio Calabrese)PENSIERO01 Ottobre 2019

Alle radici dell'italianità, prima parte   (Fabio Calabrese)   Questo articolo e il prossimo che seguirà hanno una collocazione un po' particolare, si tratta delle due parti del testo di una conferenza che non sono riuscito a tenere presso la Casa del Combattente di Trieste. Questo, oltre a una serie di reazioni negative che alcuni miei articoli sul medesimo argomento hanno suscitato fra i lettori di “Ereticamente”, dimostra che proprio nei nostri ambienti che si definiscono “nazionali”, c'è talvolta una singolare resistenza ad affrontare la tematica nazionale. Il motivo di ciò non è difficile da comprendere: il capovolgimento di fronte avvenuto durante la seconda guerra mondiale e tre quarti di secolo di repubblica democratica e antifascista ci hanno indotti ad avere un'immagine negativa dell'Italia e di noi stessi. Ma diciamolo pure, è una questione di carattere. Io penso che sia sempre meglio dire le ...LEGGI TUTTO

ANNOTAZIONI LUCIFERINE (Antonio G. Fucilone)PENSIERO01 Ottobre 2019

 Annotazioni luciferine   (Antonio Gabriele Fucilone)   Quando si parla del diavolo si parla di un essere immondo che fa del male e che del male gode. Ora, l'universo diabolico è veramente multiforme che torna ad ossessionare le menti e che, dal Medio Evo ad oggi, è sempre stato oggetto ricorrente nell'arte. Simbolo ricorrente di ciò che è malvagio, anzi del Male per antonomasia, colui che è stato ribattezzato il Maligno non rientra affatto in un luogo comune superato ma la rappresentazione figurata delle forze malefiche all'agguato dentro e fuori di noi. Ora, sorge questa domanda: delitti, rapine, stupri, massacri, meschinità, vigliaccherie, menzogne,  inganni ed ogni altra cosa maligna che l'uomo fa sono frutto del suo pensiero o sono indotti da qualcosa o da qualcuno? In verità, ogni uomo ha in sé un lato buono ed uno oscuro, come il dottor Jekill e mister Hyde. Tuttavia, il diavolo spinge le pass...LEGGI TUTTO

CAGLIOSTRO (Antonio G. Fucilone)STORIA01 Ottobre 2019

Giuseppe Balsamo, conte Alessandro di Cagliostro e la rocca di S.Leo   (Antonio G. Fucilone)   Dato che il professore Roberto Archi tratta spesso l'argomento inerente a Giacomo Casanova, io mi permetto di trattare l'altro famoso avventuriero italiano del XVIII secolo: il conte Alessandro di Cagliostro. Nel 1996, visitai la rocca di San Leo (in Provincia di Rimini)* la quale fu il luogo in cui questo avventuriero morì prigioniero. Di Cagliostro (2 giugno 1743-26 agosto 1795) si possono dire tante cose ancora oggi. Infatti, c'è chi lo definisce un grande amico dell'umanità, un filantropo ed un diffusore delle scienze e c'è chi lo definisce un ciarlatano, un truffatore, un pazzoide ed uno stregone. Di certo, egli è ancora oggi un enigma. Nato Palermo il 2 giugno 1743, egli fu battezzato con il nome di Giuseppe Balsamo. Suo padre Pietro fu un mercante. Sua madre fu Felicita Bracconieri. La sua famiglia fu di di modeste condizioni ec...LEGGI TUTTO

LA QUESTIONE DELLE ORIGINI- SECONDA PARTE (Fabio Calabrese)PENSIERO29 Settembre 2019

La questione delle origini, seconda parte   (Fabio Calabrese) Riprendiamo in mano il nostro discorso. Come abbiamo visto, la questione delle origini, sapere da dove veniamo per capire chi siamo, è tutt'altro che politicamente neutra. Le interpretazioni della “scienza ufficiale” al riguardo, invece di riflettere i dati di fatto – l'abbiamo visto – rispondono all'esigenza di imporre una visione del mondo viziata da presupposti ideologici e regolarmente volta contro di noi in quanto caucasici, europei, italiani, come lenitivo per farci subire la sostituzione etnica. Abbiamo visto i primi due livelli di essa: l'origine della nostra specie, homo sapiens che ci viene dato a intendere sia nata in Africa poche decine di migliaia di anni, la cosiddetta teoria dell'Out of Africa, inventata apposta per negare l'esistenza delle razze umane, e poi l'altrettanto cosiddetta teoria nostratica che vorrebbe i popoli indoeuropei discendenti da agricoltori di origi...LEGGI TUTTO

IL TRISTE CASO DI LINA MOLETI (Roberto Nicolick)STORIA29 Settembre 2019

Il triste caso di Lina Moleti   (Roberto Nicolick) Il 19 agosto del 1948, il Tenente Ferdinando Moleti compila questa relazione per il Giudice Istruttore della Procura di Cuneo, in cui gli elementi nodali sono Gallo Fiorenzo, assassinato dai partigiani perchè sospettato di essere in connessione con i Repubblichini, la moglie Lina e le sevizie che deve subire per una settimana dai suoi sequestratori prima di essere assassinata, i mandanti non occulti, Barricalla e Alditore che non dimentichiamo è solo un soprannome in realtà di chiama Galatolo Salvatore in seguito deceduto, e le ragioni malvagie che hanno spinto la spia dei partigiani, Liliana Grondona a creare e spargere voci fallaci su una presunta collaborazione tra la povera Lina e i Repubblichini. Gallo Fiorenzo, detto Fiore, è semplicemente un contadino benestante della zona di Carrù, ha una cascina presso Marsaglia, e necessita di abbigliamento di lana, per cui si rivolge nelle sue ve...LEGGI TUTTO

ORIGINI DEL ROMANZO GOTICO ( Antonio G. Fuciilone)LETTERATURA ITALIANA29 Settembre 2019

Origini del romanzo gotico   (Antonio Gabriele Fucilone)   Inizio questo mio articolo con questa mia poesia (scritta in maccheronico-siciliano ed in italiano) dedicata (manco a dirlo) alla civetta:   ATHENE NOCTUA   Da 'nu ruinatu casteddu... accussì...unni tela faci lu ragnu... l'omini ntô lu scuru talìa... Athe noctua, la cucca, et autru accussì nun poti... Ratio, comu lampa di notti, comu la morti...ca stuta, prisenta... dû Signuri...puru cuntru lu duluri.   ATHENE NOCTUA Da un rovinato castello... così...ove tela fa il ragno... gli uomini nel buio mira... Athene noctua, la civetta, ed altro così non può... Ragione, come lampada di notte, come la morte...che spegne, presenta... del Signore...pure contro il dolore.   Introduco questo articolo con questa mia poesia, che per certi versi è dedicata a codesta bella rivista. Ora, un uccello come la civetta si conf&agrav...LEGGI TUTTO

NOTE E RIFLESSIONI ATTORNO ALLA POESIA "LA BEFANA" DI G. PASCOLI (Barbara Spadini)LETTERATURA ITALIANA29 Settembre 2019

La Befana   Giovanni Pascoli Viene viene la Befana vien dai monti a notte fonda. Come è stanca! La circonda neve, gelo e tramontana. Viene viene la Befana. Ha le mani al petto in croce, e la neve è il suo mantello ed il gelo il suo pannello ed il vento la sua voce. Ha le mani al petto in croce. E s’accosta piano piano alla villa, al casolare, a guardare, ad ascoltare or più presso, or più lontano. Piano, piano, piano, piano. Chi c’è dentro questa villa? Uno stropiccìo leggero. Tutto è cheto, tutto è nero. Un lumino passa e brilla. Chi c’è dentro questa villa? Guarda e guarda… Tre lettini con tre bimbi a nanna, buoni. guarda e guarda… Ai capitoni c’è tre calze lunghe e fini. Oh! Tre calze e tre lettini… Il lumino brilla e scende, e ne scricchiolano le scale; il lumino brilla e sale, e ne palpitano le tende. Chi mai sale? Chi mai scende? Co’ suoi doni m...LEGGI TUTTO

IMPRESSIONE (Morgana)SCHEGGE ( di Morgana)29 Settembre 2019

Impressione   (Morgana)   " ... serena calma, tranquillità interiore, certezza di percorrere la via che porta dritto al mare: matura saggezza del silenzio che urla tra le onde caldo assopirsi di passioni nel turbinoso mulinello della sabbia"   LEGGI TUTTO

IL MAGNIFICAT, BACH E L'EVENTO DI POGGIO RUSCO (Stefano Santoro)MUSICA29 Settembre 2019

  Il Magnificat, Bach e l’evento di Poggio Rusco    (Stefano  Santoro) Nella liturgia cattolica il Magnificat è uno dei testi più celebri e più affascinanti , tale da colpire la fantasia dei grandi musicisti che hanno lavorato per la Chiesa e insieme approfittato di questo testo per creazioni artistiche al di là della cerimonia prettamente sacra. Le parole del Magnificat sono tratte dal Vangelo di San Luca (I, 46-55) e fanno parte dei cosiddetti Cantica majora in onore della Vergine. L’attacco si svolge sul famoso:”Magnificat anima mea Dominum”, che è la risposta della Madonna in casa di Zaccaria al saluto della cugina Elisabetta. Dodici sono complessivamente i versi che solitamente si intonano nel corso dei Vespri. E dodici sono appunto le parti del Magnificat in Re maggiore BWV243 di Johann Sebastian Bach eseguito magistralmente dal Gamma Chorus e dal coro Ecce novum diretti dai maestri Luca Buzzavi...LEGGI TUTTO